Associazione Scout Giungla Silente

I nostri orari

Lun – Ven : 8:00 – 18:00
Sab – Dom : Chiusi

l

Iscriviti al gruppo

a

News, eventi e molto altro

scopri tutte le novità sul nostro universo scautistico

UNA BORRACCIA DAL CIELO

da | Gen 8, 2022

 

Estate 1940, nel cielo della Libia. . Si incontrano due aerei: uno è inglese, l’altro italiano. Se il cielo del deserto africano non è mai stato luogo per incontri di cortesia, in questo momento lo è ancor meno. Si è in piena guerra mondiale e i due aerei sono due “cacciatori” avversari. Il loro combattimento è inevitabile. Picchiate, scivolate, cabrate, tuffi in candela, riprese vertiginose…Tutte le acrobazie di una parata aerea… Ma ora non sitratta di offrire uno spettacolo: ognuno cerca di colpire l’avversario e di schivarne i colpi. Alla fine è l’inglese che ha la peggio: il suo aereo precipita in fiamme. Il pilota riesce a salvarsi dal rogo, gettandosi con il paracadute. Ma può dirsi proprio salvo? Quando avrà toccato terra, si troverà solo, senza viveri, senz’acqua, nel deserto, a due giorni di cammino dalle proprie linee! Intanto il “Saetta” vincitore non si allontana: continua a sorvolare il posto, finchè vede il nemico toccare incolume la sabbia infuocata. L’inglese, mentre si libera dal paracadute si accorge che il vincitore si abbassa puntando su di lui. – Ma vuole uccidermi? – pensa – Non capisce che morirò da solo? Sono solo in mezzo al deserto, senza viveri e senza una goccia di acqua! Ora il Macchi rade quasi il suolo. Ecco, gli è sul capo. Ma … cosa fa? Dall’aereo è stato gettato un involto dal quale si stacca un oggetto ovale… L’inglese comprende: il pilota gli ha gettato la sua borraccia. E’ tutta l’acqua di bordo: due litri. A saperla usare, due giorni di vita. Per rientrare alla base l’aviatore italiano dovrà attraversare molto cielo nemico e potrebbe fare brutti i ncontri; l’acqua della borraccia potrebbe diventare anche per lui l’unica speranza di salvarsi. Ma egli non pensa a questo mentre, allontanandosi vede l’inglese salutarlo con ampi gesti.

La legge inumana della guerra li ha costretti a combattersi, ma non è riuscita a mettere l’odio nel loro cuore. Questo episodio è tanto bello che può sembrare finto, inventato. E così era stato raccontato. Ma… molti anni fa, una quarantina circa, chi l’aveva raccolto e riportato in un libro ricevette una breve lettera: “…in questi giorni mi è capitato di leggere in un suo libro un episodio che, per un attimo, mi ha fatto tornare indietro negli anni… A quando mio padre, reduce dal fronte africano, mi raccontava le sue imprese di pilota nel cielo della Libia. L’episodio che lei racconta è realmente avvenuto nel cielo a sud di Bengasi, in mezzo al deserto, il 10 agosto 1940. L’aviatore italiano si chiamava Romolo Cantelli. Era mio padre. “

Mario Chiesa

 

News ed appuntamenti

Gennaio: 2022
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31